Artisti sotto i riflettori: Foreal


Adobe
Dirk Schuster e Benjamin Simon sono il giovane duo artistico dietro Foreal, uno studio di design incentrato sull’illustrazione e la direzione artistica, con sede a Trier, in Germania. Grazie ai loro disegni “eye candy” contemporanei e sorprendenti il duo vanta un impressionante elenco di clienti dal mondo della stampa, servizi e brand, tra cui Wired, Billboard, Netflix, Microsoft e Toyota. Abbiamo parlato con loro per saperne di più:

Come descrivereste il ​​vostro stile e le tecniche che usate?
Siamo uno studio di illustrazione creativo che crea immagini con un focus sul 3D e un tocco di fotorealismo. Vogliamo che le nostre immagini siano audaci, grafiche e colorate con un amore per il dettaglio e una sensazione tattile. E amiamo avere una storia divertente nelle nostre immagini.
Dove cercate l’ispirazione?
L’ispirazione è ovunque e per noi non è necessariamente il punto di partenza più importante. Molte delle nostre idee capitano durante il processo di creazione di qualcosa. Dato che viviamo in un mondo con un overdose visuale e schermi ovunque, non è più una questione di ispirazione. Si tratta di iniziare, o come disse abilmente Chuck Close, “L’ispirazione è per i dilettanti, mi sono appena fatto vedere mettermi al lavoro”.

Qual è stata la vostra più grande sfida da superare nel settore del design?
È stata una bella sfida rendermi conto che non tutto ciò che facciamo, è ciò che vogliamo fare e mostrare al mondo. Alcune attività o progetti anche completamente commerciali, sono frustranti e lontano da quello che vorremmo descrivere come un lavoro da sogno. Abbiamo dovuto scoprire che c’è un equilibrio efficace ed efficiente tra i progetti personali che ami e i posti di lavoro che fai, prima di tutto, per soldi. E alcuni progetti sono proprio nel mezzo. (Forse ci sono alcuni creativi che sono in grado di scegliere solo i progetti ciliegina sulla torta fra tutte le richieste che ricevono, ma per la maggior parte di noi, non è così).
Qual è la vostra percezione delle immagini stock, e pensate che si stia evolvendo?
Dal nostro punto di vista, la reputazione delle immagini stock è cambiata. Anni fa, abbiamo visto immagini stock scialbe, immagini prodotte in massa con la stessa noiosa estetica aziendale, più e più volte. Ma abbiamo capito come usarle, ovvero come parte di un elemento visivo e non  come componente principale. Li usiamo qui e poi come parti nelle nostre composizioni quando CGI arriva ai suoi limiti. Che può accadere, ad esempio, se dobbiamo riprodurre parti più piccole e organiche in una delle nostre composizioni, come persone o cibo.

Quali artisti e designer dovremmo seguire?
Là fuori di artisti bravissimi ce ne sono tanti, quindi prendiamone alcuni random, tra quelli che stiamo attualmente seguendo: Marius Sperglicht, Rutger Paulusse e Clemens Behr.
Cosa vi piace di più di Adobe Stock?
Una caratteristica comune che viene utilizzata da noi è la funzione ‘Trova immagini simili’. Soprattutto quando è difficile descrivere la foto con parole chiave o quando è necessario l’oggetto stesso da una diversa angolazione o situazione di luce. È anche molto probabile che per ogni immagine, ci sia tutta una serie simile. Così come i nostri paesaggi 3D predeterminano la prospettiva esatta e la posizione delle luci, abbiamo sempre bisogno di una gamma di opzioni per ogni asset.

Qual è stato, ad oggi, il vostro progetto preferito a cui avete lavorato?
Si tratta di tutti quei progetti personali in cui possiamo fissare noi tutte le regole e avere  una decisione finale su ogni aspetto. Può essere faticoso, ma alla fine, ne vale sempre la pena ed è più gratificante. Anche se non c’è nessun guadagno. Recentemente abbiamo terminato il nostro progetto ‘Digital Darwinism’ che è uno dei nostri progetti più amati.
Che musica ascoltate mentre siete al lavoro (se ne esiste una!)?
In genere ascoltiamo quella miscela contemporanea che unisce indie, elettronica e hip-hop che si sente spesso e che è amata dai giovani creativi. Ultimamente ascoltiamo artisti come Grizzly Bear, Kendrick Lamar o DJ Koze. C’è sempre un sacco di discussione in ufficio se qualcuno mette Drake. Quando si tratta di stazioni radio, ci atteniamo alla stazione austriaca, FM4.
 
Un grande grazie a Dirk e Benjamin di Foreal per aver dedicato del tempo a parlare con noi. Per saperne di più sul loro lavoro, visita il loro sito Web e trovali su Behance.