Artisti sotto i riflettori: Anna McNaught


Adobe
Abbiamo incontrato Anna McNaught via #AdobeStockRemix su Instagram e ci siamo innamorati delle sue composizioni stupefacenti, surreali e dolci. Recentemente convertita ad Adobe Stock, abbiamo parlato con lei per saperne di più sul suo viaggio nel mondo delle composizioni digitali, sulla sua immaginazione sulle immagini stock e su dove cerca l’ispirazione.
ADOBE STOCK: Puoi dirci qualcosa di te e del tuo background creativo?
Anna McNaught: Sono stata circondata dall’arte per tutta la mia vita. Mio nonno era un illustratore di libri per bambini e la maggior parte dei membri della mia famiglia sono artisti in un modo o nell’altro. Era naturale per me seguire le loro orme.
Sono cresciuta in una piccola città in Pennsylvania e per quanto volessi andarmene, guardando indietro, so che mi ha dato forti radici, una connessione con l’ambiente e un senso di me stessa che porto avanti nel mio lavoro. Tre anni fa ho deciso di trasferirmi a Los Angeles per intraprendere una carriera nella fotografia di moda. Ho lottato per quasi un anno in cerca di un lavoro costante e cercando di capire a cosa appartenessi. La fotografia ha assunto un ruolo secondario ed io ho spinto avanti la mia carriera di progettazione grafica, alla fine ho trovato un lavoro grafico in-house e web designer. Mi resi conto che mi mancava una parte di me e così comprai una nuova macchina fotografica e iniziai a scattare foto. Si riaccese in me una scintilla che credevo di aver perso. Mi sono divertita così tanto e ho realizzato che potrei combinare la mia fotografia e la mia grafica e creare composizioni intricate che portano a nuovi orizzonti, sogni e idee fantasiose. È stato poco più di un anno fa quando sono entrata in questo stile di editing, ma ha completamente cambiato la mia vita!
 

AS: Come descriveresti il ​​tuo stile?
AM: Surrealismo mescolato a fantasia onirica – colorato e felice
AS: Dove cerchi, quando hai bisogno di una botta di ispirazione? 
AM: Mi trovo su Pinterest a scavare attraverso immagini Adobe Stock. A volte basta vedere una certa immagine, è possibile ottenere un’intera idea intrigante nella mia testa.  Altre volte, quando mi sento come se avessi imboccato un vicolo cieco, mi piace staccare e andare in campeggio, a fare escursionismo oppure andare verso la spiaggia per una naturale ri-carica.
 

AS: Quale è stata la tua più grande sfida da superare nel settore della progettazione?
AM: Una delle maggiori sfide che ho dovuto superare in generale nel settore del design e proprio come artista in generale è, l’autostima. Penso che sia facile confrontare se stessi con gli altri e con il loro successo e mi chiedo se sei così valido, o se mai lo sarai. A volte mi ritrovo a indovinare le mie capacità artistiche. Penso che la fiducia nel tuo lavoro viene con la pratica e con l’esperienza e sto imparando sempre di più, ogni giorno.
AS: Quali sono le tue percezioni di immagini stock, e pensi che la percezione stia cambiando?
AM: Ho sempre detto che credo che chi lavora con stock per scopi di editing dovrebbe avere una conoscenza di base di fotografia, come funziona l’illuminazione, perché alcune foto funzionano insieme mentre alcune non funzionano. Sono assolutamente convinta che stia cambiando con il numero di artisti digitali che vedo spuntare su Instagram. È interessante quanti artisti riescano a manipolare immagini stock per diventare qualcosa di completamente diverso. Penso che le nostre immaginazioni siano affascinanti.
 

AS: Quali artisti e designer dovremmo seguire?
AM: Il mio preferito sarà sempre @nois7 e mi piace anche @frvnkyvng. Entrambi sono stati una grande ispirazione per me nel corso degli ultimi anni e creano immagini come niente che io abbia mai visto prima!
AS: Quali sono le caratteristiche che ti piacciono di più dell’usare Adobe Stock?
AM: Adoro le opzioni che sono disponibili. Le foto sono stupende e offrono grande varietà.
Una delle mie caratteristiche preferite che ho visto in Adobe Max e non ho avuto la possibilità di provare completamente, è la capacità di testare un’immagine di riserva e poi con un solo clic, potere acquistare e rilasciare la foto nella stessa posizione esatta e nella dimensione dell’immagine di prova! Ciò consente di risparmiare ore di tempo di lavoro! Inoltre, non sono nemmeno sicura se questo sia già in beta ma amo la nuova funzionalità di utilizzare le caselle per mostrare un’idea che stai cercando, un cane a destra e una persona a sinistra, e trovare azioni che corrispondano esattamente! Cioè, questa è una figata!?

AS: Quale è stato il tuo progetto preferito su cui hai lavorato fino ad oggi?
AM: Una delle mie immagini preferite che ho realizzato era un autoritratto in Joshua Tree. Credo che sia il mio progetto preferito perché ho avuto l’idea in testa, ha guidato fino a Joshua Tree con il mio fidanzato e ho trovato il posto perfetto lungo la strada. Feci due foto, una di me nel telaio e uno di sfondo e le ho combinati in Photoshop. Mi piace perché è semplice e spontanea, ma ha un grande significato per me.
AS: Che musica ascolti attualmente mentre lavorano (se esiste!)? 
AM: Adoro ascoltare Chillstep e Jazz. Due estremità opposte dello spettro! Mi piace Chillstep per quando sono in un “momento di editing” dove fondamentalmente trascorro ore in Photoshop senza stop e invece il jazz per quando sono in una “calda giornata d’autunno”.

AS: Quali tendenze di design dovremmo esaminare nel 2018?
AM: Penso che l’esperienza digitale nella sua totalità continuerà a crescere sempre più. Penso anche che il modo in cui tutti operiamo in questi giorni è veloce e facile. Vedo che Adobe mette molte di queste modifiche e il software continua ad essere più intuitivo e più veloce da utilizzare, in modo che i nostri disegni e le immagini possano espandersi. Saremo in grado di creare senza limiti tecnici.
Per saperne di più sul lavoro di Anna, dai uno sguardo al suo sito Web e trovarla su Instagram.